closeOfferta Flash10 € di sconto aggiuntivo per preventivi auto, moto e veicoli commerciali salvati da smartphone entro il 31/10/2016

Federalismo Fiscale: variazione d'imposta Responsabilità Civile Auto

In forza della normativa D. Lgs 6 maggio 2011, n. 68, le province delle regioni a statuto ordinario hanno la facoltà di variare, a decorrere dal 2011, l’aliquota dell’imposta gravante sui premi R.C. Auto.

L’aliquota base fissata al 12,50% potrà essere variata in aumento o in diminuzione fino ad un massimo di 3,5 punti percentuali.

Gli aumenti o le diminuzioni delle aliquote avranno effetto dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di pubblicazione della delibera di variazione sul sito informatico del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa nuova fiscalità si applica alle polizze di tutti i tipi di veicoli (auto, moto, autocarri, camper) con l’inclusione dei rimorchi (c.d. rischio statico), mentre sono esclusi i ciclomotori.

ATTENZIONE: le regioni a statuto speciale potrebbero deliberare un'eventuale variazione di aliquota, con tempi e modalità diversi rispetto alle regioni a statuto ordinario.

Variazione aliquota 2016

 In vigore dal 1° agosto 2016

  • Olbia Tempio (OT) +3,5% (da 12,5% a 16%)

Variazione aliquota 2015

In vigore dal 1° gennaio 2015

  • Isernia (IS) +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° febbario 2015

  • Roma (RM) -7% (da 16% a 9%) per i veicoli ad uso locazione senza conducente di imprese esercenti i servizi di locazione veicoli senza conducente e ai veicoli ad uso locazione senza conducente di società di leasing.

In vigore dal 1° marzo 2015

  • Reggio Calabria (RC) +1% (da 15% a 16%)

In vigore dal 1° aprile 2015

  • Cuneo (CN) +0,5% (da 15,5% a 16%)
  • Vicenza (VI) +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° maggio 2015

  • Cagliari (CA) +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° settembre 2015

  • Pistoia (PT) +0,5% (da 15,5% a 16%)
  • Firenze (FI) + 5,5% (da 10,5% a 16%)
  • Firenze (FI) - 1,5% (da 10,5% a 9%) per i veicoli ad uso locazione senza conducente di imprese esercenti i servizi di locazione veicoli senza conducente e ai veicoli ad uso locazione senza conducente di società di leasing

 

Variazione aliquota 2014

In vigore dal 1° gennaio 2014

  • Viterbo +1% (da 14,5% a 15,5%)

In vigore dal 1° febbraio 2014

  • Caltanissetta +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Enna +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Messina +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Palermo +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ragusa +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Trapani +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° marzo 2014

  • Agrigento +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ancona +0,5% (da 15,5% a 16%)
  • Firenze -0,5% (da 11% a 10,5%)
  • Reggio Calabria +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° giugno 2014

  • Catania +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Reggio Calabria - 1% (da 16% a 15%)

In vigore dal 1° agosto 2014

  • Nuoro +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° ottobre 2014

  • Viterbo +0,5% (da 15,5% a 16%)

In vigore dal 1° novembre 2014

  • Medio Campidano (VS) +3,5% (da 12,5% a 16%)

Variazione aliquota 2013

In vigore dal 1° gennaio 2013

  • Bolzano -0,5% (da 9,5% a 9%)
  • Brindisi +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Latina +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Parma +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Siena +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Taranto +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Trento -0,5% (da 9,5% a 9%)

In vigore dal 1° marzo 2013

  • Como +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Padova +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Roma +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 30 maggio 2013:

  • Agrigento -3,5% (da 16.0% a 12.5%)
  • Caltanisetta -2% (da 14.5% a 12.5%)
  • Catania -3,5% (da 16.0% a 12.5%)
  • Enna -3,5% (da 16.0% a 12.5%)
  • Messina -3,5% (da 16.0% a 12.5%)
  • Palermo -3,5% (da 16.0% a 12.5%)
  • Ragusa -3,5% (da 16.0% a 12.5%)  
  • Trapani -3,5% (da 16.0% a 12.5%)  

In vigore dal 1° luglio 2013

  • Varese +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° agosto 2013:

  • Cuneo +3% (da 12,5% a 15,5%)
  • Frosinone + 3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° settembre 2013:

  • Barletta-Andria-Trani +3.5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° novembre 2013:

  • Sassari +3,5% (da 12,5% a 16%)

Variazione aliquota 2012

In vigore dal 1° gennaio 2012

  • Biella +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Bolzano - 3% (da 12,5% a 9,5%)
  • Firenze -0,5% (da 12,5% a 12%)
  • Lecco +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Matera +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Novara +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Pavia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Piacenza +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Pisa +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Potenza +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ravenna +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Siena + 3% (da 12,5% a 15,5%)
  • Torino +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Trento - 3% (da 12,5% a 9,5%)
  • Vercelli +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° febbraio 2012

  • Ascoli Piceno +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Bergamo +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Campobasso +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Catanzaro +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Lucca +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Modena +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Pescara +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Salerno +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° marzo 2012

  • Monza e Brianza + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Messina + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Prato + 3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° aprile 2012

  • Bari + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Brescia + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Caserta + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Firenze -1% (da 12% a 11%)
  • Lodi + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Mantova + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Palermo + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Parma +1,5 (da 12,5% a 14%)
  • Trapani +3,5 (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° maggio 2012

  • Enna + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Fermo + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Napoli + 3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° giugno 2012

  • Agrigento + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Livorno + 3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° luglio 2012

  • Aosta - 3,5% (da 12,5% a 9%)
  • Foggia + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Grosseto + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Macerata + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ragusa + 3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° settembre 2012

  • Treviso - 1% (da 16% a 15%)

In vigore dal 1° ottobre 2012

  • Caltanissetta +2% (da 12,5 a 14,5%)

Variazione aliquota 2011

In vigore dal 1° agosto 2011

  • Alessandria + 3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ancona +3% (da 12,5% a 15,5%)
  • L’Aquila +3% (da 12,5% a 15,5%)
  • Arezzo +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Belluno +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Benevento +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Bologna +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Catanzaro +2,5% (da 12,5% a 15%)
  • Chieti +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Cosenza +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Cremona +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Ferrara +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Forlì - Cesena +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • La Spezia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Lecce +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Milano +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Perugia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Pesaro e Urbino +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Pistoia +3% (da 12,5% a 15,5%)
  • Reggio Emilia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Rimini +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Rovigo +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Savona +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Teramo +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Treviso +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Venezia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Verbano – Cusio - Ossola +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Verona +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Vibo Valentia +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° settembre 2011

  • Asti +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Crotone +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Imperia +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Massa Carrara +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Rieti +3,5% (da 12,5% a 16%)
  • Salerno +3% (da 12,5% a 15,5%)
  • Terni +3,5% (da 12,5% a 16%)

In vigore dal 1° ottobre 2011

  • Genova + 3,5% (da 12,5% a 16%)

Riassumendo

    • in seguito all’entrata in vigore del "federalismo fiscale" (d.lgs. n. 68 del 6 maggio 2011) le province delle regioni a statuto ordinario possono deliberare una variazione sull’imposta dell’assicurazione R.C. Auto nella misura massima del 3,5% in aumento o in diminuzione rispetto a quella attualmente prevista del 12,5% del premio;
    • le province delle regioni a statuto speciale potrebbero deliberare un'eventuale variazione di aliquota, con tempi e modalità diversi rispetto alle regioni a statuto ordinario;
    • sul sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze (www.finanze.gov.it) è possibile consultare l’elenco delle provincie che hanno modificato la suddetta aliquota;
    • Genialloyd applica la modifica alle aliquote secondo le percentuali indicate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e sopra riportate.